Wezooit questa volta ha avuto l'opportunità di intervistare Vicki Putman-Weber, addestratrice senior di orche a SeaWorld.

Nata ad Albany (USA), ha studiato biologia al Linn-Benton Community College e Zoologia all'Oregon State University. Ha iniziato la sua carriera nel 2000 come stagista presso l'Oregon Coast Aquarium lavorando con foche e leoni marini. Successivamente ha lavorato all'Ocean World, al Six Flags Discovery Kingdom e infine al SeaWorld San Diego, in California.

Qui sotto potete leggere tutti i dettagli di questa piacevole chiacchierata.

Quando e come hai deciso che volevi diventare una addestratrice di mammiferi marini?

Ho deciso che volevo diventare una addestratrice di Orche dopo una visita a SeaWorld San Diego quando avevo 16 anni. In Oregon, dove sono cresciuta avevamo a casa , cani, gatti e roditori. E come si può capire , da sempre amo gli animali. Quando ho visto gli addestratori interagire con i delfini, balene e leoni marini, come fanno a SeaWorld sono rimasta sbalordita! Non avevo mai visto questi animali , e ovviamente non avevo idea che le persone potessero interagire in quel modo o avere legami così stretti con loro. In quel momento ho capito che volevo diventare una addestratrice di Orche a SeaWorld.

 

Quali differenze e somiglianze hai riscontrato durante i tuoi anni di esperienza lavorando con orche, delfini, beluga, leoni marini…?

Il mio primo lavoro è stato con foche e leoni marini. Mi è piaciuto molto lavorare con i pinnipedi! Rispondono alla tua voce e, a differenza dei cetacei, possono spostarsi a terra con te, quindi è stato come lavorare con i cani. Lavorare con i delfini era piuttosto diverso. I delfini sono generalmente in gruppi sociali più ampi, e questo può consentire o anche ostacolare il tuo apprendimento. Ho scoperto che i delfini accettano di più le nuove persone rispetto ai leoni marini. I delfini creano legami con i loro caregiver, ma lavorano anche con chiunque che riesce a guadagnare la loro fiducia. Le orche sono più influenzate dalle dinamiche sociali rispetto alle altre due specie. Dovevamo sempre tenere in conto la dinamica sociale di questi animali in tutto quello che si doveva fare. La vita sociale ha dettato molto di ciò che potevamo fare. Di tutte le specie con cui ho lavorato, sento che il rapporto più complesso tra caregiver e l'animale è stato quello con le balene. Per esperienza propria posso dire che le balene si accorgono delle cose molto più rapidamente dei delfini o dei leoni marini. Spesso scherziamo sul fatto che gli addestratori di balene diventano pigri perché siamo in grado di saltare passaggi di addestramento che con un delfino o un leone marino non sarebbe possibile. Ad esempio, se ho addestrato una balena a fare un salto in una certa posizione in vasca ma in seguito, voglio che faccia lo stesso comportamento in un'area completamente diversa, tutto ciò che devo fare è chiedere a loro il comportamento e quando lo fanno, rinforzarlo. Dopo chiedi di nuovo il salto ma questa volta con un piccolo colpo nell’acqua indichiamo il nuovo punto del comportamento. Le probabilità che la balena ci riesca al primo tentativo sono alte. Tentando lo stesso concetto con un delfino è più probabile che tu debba tornare indietro nell’addestramento e fare le varie approssimazioni utilizzando il target per segnalare il punto finale del comportamento.

 

Vicki con Keet en SeaWorld (San Diego)

Vicki con Keet en SeaWorld (San Diego)

 

Che cosa ha significato per te il tempo che hai trascorso con questi animali in acqua? Ti manca l’interazione nell’acqua con le orche?

Il tempo che ho trascorso in acqua con le orche è stato indimenticabile. È difficile descrivere la sensazione di nuotare con un animale così grande e potente. Un'esperienza di vita! Entrare in acqua con un'orca è la massima espressione del tempo che hai dedicato a coltivare il tuo rapporto con loro e è anche una testimonianza delle ore di addestramento di tutti coloro che sono venuti prima di te. Nuotare con un'orca è un lavoro di squadra. Animale e persona che lavorano insieme per far accadere qualcosa di straordinario. Mi manca immensamente l’interazione nell'acqua con le balene. Quando sei in acqua sei nel loro mondo. Essere a quel livello con un animale a cui tieni è, penso, il sogno di ogni addestratore.

 

Al giorno d'oggi la nostra professione è molto attaccata da attivisti radicali, basati principalmente sulla disinformazione. Cosa diresti alle persone che disapprovano l'esistenza degli zoo?

Ognuno ha diritto alla propria opinione. Ho scoperto che è meglio seguire questa linea di pensiero quando si interagisce con persone contrarie agli zoo. Questo approccio spesso riduce la loro rabbia e quindi è più probabile che siamo in grado di avere una conversazione calma e civile sull'argomento. Mi piace ascoltare le loro lamentele sugli zoo senza interromperli. Quando hanno finito, dico loro perché penso che gli zoo siano importanti. Cerco di contrastare direttamente le loro preoccupazioni con fatti ed esempi. In questo modo non sto dicendo a loro che hanno torto, ma piuttosto offro una prospettiva diversa. Alla fine di tale conversazione le persone spesso si rendono conto che i giardini zoologici contribuiscono alla conservazione e all'educazione di modo importante. Alcune persone possono cambiare completamente la loro visione o pensiero. Altre invece non cambiano affatto. E va bene. In quei casi, mi limito a sorridere e dico che rispetto la loro opinione ma che non la condivido. Non c'è motivo per provare in tutti i modi di convincerli. Offri invece alcune risorse per fare ulteriori ricerche sull'argomento. Se hanno ottenuto le loro informazioni da PETA, Rick O‘Barry, Blackfish, ecc. Queste informazioni sono unilaterali e di parte. Vorrei anche sottolineare la differenza tra i diritti degli animali e il benessere degli animali. Molte persone non capiscono nel profondo le motivazioni del movimento per i diritti degli animali e rimangono scioccate quando scoprono la verità!

 

Cosa ha significato per te lavorare tutti questi anni a SeaWorld e quali tipi di progetti di ricerca o conservazione hai realizzato?

Il mio tempo a SeaWorld è stato molto appagante per me. Lavorare con le orche era il mio sogno d'infanzia. Ho amato così tanto questi animali fantastici! Ho assistito a eventi incredibili come la nascita di delfini e orche. Ho incontrato persone fantastiche che saranno amici per tutta la vita. Apprezzerò sempre il tempo che ho passato lì. SeaWorld partecipa a molte ricerche e conservazione. L'azienda sponsorizza il SeaWorld Busch Gardens Fund che ha donato milioni di dollari a progetti di conservazione in tutto il mondo. SeaWorld ha anche un rispettato programma di salvataggio, riabilitazione e rilascio e ha restituito migliaia di animali allo stato selvatico! Sono stata coinvolta in diversi progetti di conservazione durante la mia carriera. Il mio ruolo era addestrare gli animali a fare i comportamenti che i ricercatori avevano bisogno che facessero. In uno studio abbiamo addestrato le nostre balene a fare un test dell'udito. I ricercatori volevano sapere qual è il loro range uditivo. Ciò aiuterà i ricercatori a capire se il traffico delle barche e il rumore del sonar interferiscono con la capacità delle balene di sentirsi a vicenda in natura. Abbiamo addestrato le balene a indossare un cardiofrequenzimetro e a nuotare sia in profondità che in superficie mentre indossavano il monitor. I ricercatori volevano vedere cosa succedeva alla frequenza cardiaca durante un apnea e durante i comportamenti che richiedevano più movimento . Questi sono solo un paio di esempi dei MOLTI progetti a cui abbiamo partecipato negli ultimi anni.

 

Como vedi il futuro dei mammiferi marini negli zoo a breve e lungo termine? Pensi che finirà? Oppure i governi si renderanno conto che questi parchi stanno facendo un lavoro molto importante?

È difficile prevedere la risposta a queste domande. Ho visto l’opinione nei confronti degli animali nelle strutture zoologiche cambiare molto durante la mia carriera. In particolare per quanto riguarda le strutture situate all'interno di parchi a tema dove si svolgono dimostrazioni con animali. Gli zoo senza scopo di lucro sembrano non ricevere la stessa attenzione negativa. Il nostro settore è cambiato drasticamente nell'ultimo decennio. Il Canada e la Francia hanno vietato i mammiferi marini negli ambienti zoologici. La California ha istituito un divieto di riproduzione delle orche. SeaWorld ha fatto un ulteriore passo avanti e ha interrotto la riproduzione di orche in tutti i loro parchi. Alcune strutture, SeaWorld compreso, hanno bandito alcuni comportamenti nelle dimostrazioni a causa del '“immagine” che passa al pubblico. Grandi tour operator e compagnie aeree hanno tagliato i legami con le strutture che ospitano mammiferi marini. Tuttavia, gli zoo e gli acquari attirano milioni di persone e dubito che cambierà presto. Secondo l'Association of Zoos and Aquariums, oltre 181 milioni di persone visitano gli zoo e gli acquari statunitensi, numeri che battono NFL, NHL, NBA e MLB messi insieme. A livello globale, 700 milioni di persone visitano ogni anno zoo e acquari, ovvero circa il 10% della popolazione mondiale. Sono molte le persone che visitano gli zoo! La Cina per esempio, è un mercato emergente per enormi parchi a tema che vantano imponenti strutture zoologiche e attirano centinaia di migliaia di ospiti. I governi si renderanno conto dell'importante lavoro svolto dagli zoo e dagli acquari? Non credo che ai governi importi. Il divieto alla cattività e riproduzione riguardo questi animali sembra più centrata e collegata a motivi ​​politici più che a ciò che è meglio per gli animali. Queste decisioni sono spesso basate sul basso grado di informazione del pubblico riguardo questo discorso. Spetterà alle persone all'interno dell'industria zoologica portare il nostro messaggio alle persone incaricate di prendere queste decisioni in futuro se vogliamo un risultato diverso. Hanno bisogno di più istruzione da parte dei professionisti del settore su ciò che facciamo e perché è importante. Se non lo facciamo, continueremmo a subire le loro visioni e informazioni raccolte dalla visione di film di propaganda carichi di emozioni finanziati da gruppi per i diritti degli animali. Anche le strutture zoologiche dovranno unirsi e sostenersi a vicenda su questi temi.

 

Più le menzogne ​​sui diritti degli animali ottengono visibilità, più continueranno a fare crescere la loro propaganda. Sappiamo che il loro obiettivo è porre fine a tutte le strutture zoologiche in tutto il mondo e sta a noi agire! Il governo non lo farà per noi.

 

Cosa diresti a una persona che non sa come iniziare e vuole dedicare la propria vita all'addestramento dei mammiferi marini?

A una persona che vuole entrare nel settore zoologico, chiedo prima quale ruolo vogliono svolgere all'interno del settore. Vogliono essere un veterinario? Vogliono salvare, riabilitare e liberare gli animali? Vogliono addestrare comportamenti ed esibirsi in dimostrazioni? Vogliono fare ricerca e addestrare gli animali a parteciparvi? Con quali specie vogliono lavorare? Ci sono molte strade che puoi percorrere nel nostro settore. È utile essere chiari su quale percorso si desidera intraprendere in modo da poter utilizzare il proprio tempo per raggiungere tale obiettivo.

Sebbene molte strutture non richiedano una laurea, ne consiglio sempre una! Perché? È un campo competitivo! Anche se una laurea non è richiesta, scoprirai che la maggior parte delle persone con cui farai il colloquio ne ha una. A seconda dell'area di competenza che hai scelto, vorrai studiare biologia, zoologia, psicologia, scienze animali o medicina veterinaria. Spesso è necessaria esperienza per ottenere un lavoro all'interno di uno zoo, ma come ottenerla? Fai volontariato in uno zoo o in un acquario mentre vai a scuola. Fai uno stage in uno zoo o in un acquario durante l'estate. Queste sono in genere posizioni non retribuite. Prendi un lavoro per addestrare cani o cavalli. La formazione è la formazione. Candidati per un lavoro in una clinica veterinaria. Unisciti a IMATA (International Marine Animal Trainer Association) e partecipa a una conferenza. Incontrerai persone già del settore e imparerai molto. Se vuoi diventare un addestratore, leggi libri sull'addestramento come per esempio: Don’t shoot the dog di Karen Pryor. Studia il condizionamento operante e il gergo che lo accompagna. Leggi libri e impara a conoscere gli animali con cui desideri lavorare. Tieniti aggiornato sugli sforzi di conservazione e sui progetti di ricerca che coinvolgono queste specie. Se devi fare un test di nuoto per lavorare presso la struttura di tua scelta, informati in cosa comporta il test e ALLENATI! Non presentarti a un test di nuoto senza aver mai fatto ciò che è richiesto! Infine, rivolgiti a ogni struttura che abbia gli animali con cui vuoi lavorare. Ci sono molte strutture oltre a SeaWorld che ha mammiferi marini. Non arrenderti! Ho lavorato in molte altre strutture prima di SeaWorld. Per riuscire ad entrare a SeaWorld ho fatto il test di 3 volte per avere finalmente il lavoro dei miei sogni!

 

Alcuni addestratori, con il tempo, finiscono per indirizzare la propria carriera verso la gestione e l'addestramento di altre tipologie di animali, oppure semplicemente cambiano rotta e scelgono un'altra professione. Quali pensi siano le ragioni?

Ci sono una miriade di ragioni per cui le persone scelgono un percorso diverso per la loro carriera. I desideri e le priorità delle persone cambiano nel corso della loro vita.

La professione zoologica è impegnativa. Secondo me le persone se ne vanno per quattro ragioni principali. Tempo, denaro, opportunità di crescita professionale e dolore fisico. Gli animali devono essere assistiti 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni all'anno.

Lavoriamo all'aperto con tutti i tipi di meteo. Chiunque abbia lavorato con gli animali ha sperimentato il lavoro notturno sotto la pioggia a Natale, e questo accade anche nei weekend. Ti mancano le vacanze, le recite scolastiche, i compleanni, le feste e le cene con la tua famiglia. Ne vale la pena perché ami i tuoi animali. Ma le priorità possono cambiare e potresti scegliere di ritirarti dal campo zoologico per un lavoro più adatto alle famiglie. Il campo, sebbene gratificante, non paga molto. Acquistare una casa o mantenere una famiglia potrebbe essere una sfida per lo stipendio di un addestratore. Mirare a una posizione dirigenziale potrebbe aiutarti a pagare le bollette pur rimanendo in grado di rimanere nel settore. Dopo aver dedicato anni come addestratori, molte persone si ritrovano a voler condividere le proprie conoscenze con i più giovani.

Questo, oltre a quell'aumento di stipendio, sono le ragioni per cui le persone optano per un ruolo di gestione. Ottenere un ruolo di responsabile o dirigente sembra fantastico, ma per ottenerlo una di queste posizioni devono essere libere. I concorsi per questo tipo di ruoli non si aprono molto spesso, quindi le opportunità di crescita possono diventare attese infinite. Infine, questo è un lavoro fisicamente impegnativo! Ad un certo punto potresti scoprire che il tuo corpo non ce la fa più. Questo è un altro motivo per lasciare il campo.

 

Tanti anni circondati da questi incredibili animali devono averti permesso di raccontare mille storie. Puoi raccontarci qualche aneddoto che ricordi in modo particolare?

Ho molte di belle storie! Una che spicca sempre è stato quando Shouka è arrivato a SeaWorld di San Diego dal Six Flags Marine World. Shouka ha vissuto da solo o con un delfino tursiope per circa 10 anni al Marine World. Quando è venuta da noi a SeaWorld non vedeva un'altra orca da molto tempo! Dopo il suo arrivo, l'abbiamo trasferita dalla cassa di trasporto alla nostra vasca medica per darle il tempo di acclimatarsi. Dopo un periodo, le abbiamo concesso l'accesso a una delle nostre vasche sul retro, che è molto più grande della vasca medica. Portarla nella vasca più grande richiedeva a Shouka di nuotare attraverso un cancello aperto, cosa che non aveva voglia di fare. Abbiamo chiesto più volte in modi diversi di venire da noi nell'altra vasca, ma lei ci guardava e sembrava dire , no grazie. Con la squadra abbiamo discusso diverse opzioni su come convincerla.

Abbiamo deciso di portare Corky, la nostra balena di 50 anni, nella vasca sul retro. Speravamo che la presenza di Corky avrebbe “spinto” Shouka a lasciare la vasca medica. Corky è un animale molto accogliente e tranquillo. A causa del suo temperamento, di solito è l'animale che usiamo per situazioni come questa. Abbiamo concesso ai due un po 'di tempo per vedersi e mangiare uno accanto all'altro con il cancello chiuso tra loro prima di aprirlo. Quando aprimmo il cancello, Corky entrò nella vasca medica e si sedette accanto a Shouka. Shouka non sembrava affatto intusiasta di vedere una gigantesca balena accanto a lei dopo 10 anni! Abbiamo chiesto a Shouka e Corky di lasciare insieme la vasca medica, sperando che il desiderio di Shouka di stare con Corky l'avrebbe incoraggiata ad andarsene, ma no! Shouka era ancora riluttante a nuotare attraverso il cancello aperto per andare nella vasca più grande. Abbiamo provato molti scenari diversi per far muovere Shouka, ma non era interessata a lasciare la sicurezza della vasca medica. A questo punto sembra che Corky abbia capito cosa stavamo cercando di fare! Nel suo tempo libero, Corky nuotò nella vasca medica, strinse il suo enorme corpo di 4.000 kg SOTTO Shouka e portò Shouka fuori dal cancello e nella vasca più grande !!! Una volta attraversato il cancello, Shouka nuotò immediatamente sotto Corky nella posizione in cui un cucciolo nuoterebbe sotto sua madre.

È stato uno dei momenti più incredibili a cui abbia mai assistito come addestratrice! Non so se Corky sapesse cosa volevamo che succedesse o se semplicemente volesse che Shouka venisse a nuotare con lei, ma è stato un momento fantastico da guardare.

 

Grazie Vicki per aver condiviso con noi il tuo tempo e la tua esperienza, ti auguriamo il meglio per il tuo futuro, sia personale che professionalmente parlando.

 

Grazie mille a WeZooit per l'opportunità e continuate così, buon lavoro ragazzi!

 

SHARE