Pensiamo sia importante conoscere l'origine dell'addestramento degli animali e vedere come si è evoluto nel tempo. In questo articolo spiegheremo, brevemente, come tutto è iniziato, concentrandoci esclusivamente sulla formazione moderna.

Dovremmo tornare agli anni '40 e citare Keller e Marian Breland, una coppia di psicologi americani e studenti universitari di B.F. Skinner (padre del condizionamento operante) di cui parleremo nel prossimo articolo.

I coniugi Breland crearono una società chiamata Animal Behaviour Enterprises;

per anni hanno addestrato migliaia di animali per l’esercito, ricerca, programmi TV, fiere, parchi a tema e zoo, dove hanno dimostrato che esisteva un modo migliore e più scientifico di addestrare gli animali. Un modo più umano e senza la necessità di usare metodi avversi, usando concetti e principi che entrambi avevano studiato in laboratorio.

Durante gli anni '40, l'addestramento degli animali negli zoo aveva lo scopo unico di intrattenere il pubblico. Spesso venivano mostrati pochissimi comportamenti naturali, come uno scimpanzé mascherato che beveva il tè con sue scarpe da ginnastica. Tuttavia, è stato solo negli anni '70 che gli zoo e gli acquari hanno iniziato a concentrarsi maggiormente sulla conservazione e hanno gradualmente sostituito quegli spettacoli con più dimostrazioni didattiche, concentrandosi su comportamenti naturali e addestramenti rivolti e mirati per il benessere degli animali.

Negli anni '50, estesero la loro tecnica e iniziarono ad addestrare mammiferi marini ai Marine Studios (Florida), a Marineland del Pacifico (California) e successivamente, insieme a Bob Bailey, uno zoologo dell'Università della California, svilupparono il programma di addestramento per la Marina Militare dei Stati Uniti.

Negli anni '60, Kenneth S. Norris, un biologo dei mammiferi marini, e il suo associato Ronald Turner, uno psicologo della Columbia University, introdussero i principi del condizionamento operante al Sea Life Park e all'Ocean Institute delle Hawaii. Fu qui che l'americana Karen Pryor, specializzata nel comportamento animale e nella biologia dei mammiferi marini, iniziò ad addestrare i delfini e divenne capo addestratore.

A quel tempo, inoltre, i Brelands e il loro studente Kent Burgess crearono il primo programma di addestramento per mammiferi marini a Seaworld, San Diego.

Gli addestratori di mammiferi marini non sono stati i primi ad utilizzare questo sistema di addestramento, sono stati i primi ad estenderne l'uso alla comunità zoologica.

Come sapete, i mammiferi marini trascorrono la maggior parte della loro vita in un ambiente molto diverso dal nostro e quindi le tecniche di addestramento dovevano essere innovative, poiché non potevano essere gestite con un guinzaglio o un'imbracatura.

Ecco perché lo sviluppo di queste tecniche rappresenta una rivoluzione nella storia dell'addestramento degli animali, concentrandosi soprattutto sulla scoperta di comportamenti che facilitavano la gestione:

 

  • Gli è stato insegnato ad accettare cibo offerto direttamente a mano, il che ha avvicinato gli animali ai loro addestratori.

     

  • Gli è stato insegnato a rimanere in una posizione specifica durante le sessioni di addestramento e a spostarsi da un recinto all'altro e, se necessario, ad essere separati individualmente o in gruppo.

     

  • Gli è stato insegnato ad accettare il contatto, facilitando l’osservazione ravvicinata per qualsiasi trattamento medico, controllo e pulizia di ferite o somministrazione di medicinali.

     

  • Addestrare gli animali a toccare un oggetto o qualsiasi parte del corpo del addestratore sarà una procedura molto utile per il futuro dell'addestramento degli animali, poiché l'animale potrebbe essere diretto o posto nella posizione desiderata.

 

Più tardi, negli anni '70 e '80, i comportamenti medici iniziarono a svilupparsi gradualmente, eseguendo con successo le prime tecniche di prelievo di sangue volontaria con orche al Sea World di San Diego nel 1984.

 

Le tecniche di addestramento sono in continua evoluzione e abbiamo sempre più conoscenze sul comportamento degli animali.

 

In WeZooit, siamo sicuri che questa è una lunga storia e abbiamo ancora molta strada da fare.

 

E ricorda, se è possibile ... WeZooit!

 

SHARE